The home of Eurovision lyrics

esc1987_lead

Italy
<< 1985 1988 >>
Song Information
Music: Umberto Tozzi, Raf
Lyrics: Giancarlo Bigazzi
Conductor: Gianfranco Lombardi
Eurovision Song Contest 1987
Position: 3rd
Points: 103pts

Italian
A noi che siamo gente di pianura
Navigatori esperti di città
Il mare ci fa sempre un po’ paura
Per quell’idea di troppa libertà

Eppure abbiamo il sale nei capelli
Del mare abbiamo le profondità
E donne infreddolite negli scialli
Che aspettano che cosa non si sa

Gente di mare, che se ne va
Dove gli pare, dove non sa
Gente che muore di nostalgia
Ma quando torna dopo un giorno, muore
Per la voglia di andare via

(Gente di mare) E quando ci fermiamo sulla riva
(Gente che va) Lo sguardo all’orizzonte se ne va
(Gente di mare) Portandoci i pensieri alla deriva
Per quell’idea di troppa libertà

Gente di mare, che se ne va
Dove gli pare, dove non sa
Gente corsara che non c’è più
Gente lontana che porta nel cuore
Questo grande fratello blu

Al di là del mare, c’è qualcuno che
C’è qualcuno che non sa niente di te

Gente di mare, che se ne va
Dove gli pare, ma dove non sa
Noi, prigionieri di queste città
Viviamo sempre di oggi e di ieri
Inchiodati dalla realtà, e la gente di mare va

(Gente di mare che se ne va) Che se ne va
(Dove gli pare) Ma dove non sa
Noi, prigionieri di queste grandi città
Viviamo sempre di oggi e di ieri
Inchiodati dalla realtà, e la gente di mare va

Translation
We, people from the plains
Excellent drivers in the city
Are always a little scared of the sea
Because of the idea of too much freedom

And although we have the salt in our hair
We have the depth of the sea in our souls
And freezing women in their shawls
Waiting for something which nobody knows

People of the sea, who leave it behind
Going to where they like, they don’t know where
People dying of nostalgia
But when they go back after one day, they die
Of the desire to go away

(People of the sea) And when we stop on the shore
(People who go) Our look goes to the horizon
(People of the sea) Bringing our thoughts adrift
Because of the idea of too much freedom

People of the sea, who leave it behind
Going to where they like, they don’t know where
Buccaneer people who are no more
Faraway people carrying in their hearts
This big blue brother

At the other side of the sea, there’s someone who
There’s someone who knows nothing about you

People of the sea, who leave it behind
Going to where they like, they don’t know where
We, prisoners of these cities
We always live for today and for yesterday
Nailed down by reality, and the people of the sea go

(People of the sea, who leave it behind) Who leave it behind
(Going where they like) They don’t know where
We, prisoners of these big cities
We always live for today and for yesterday
Nailed down by reality, and the people of the sea go

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Visitors from around the world

free counters